Categories
news

Aziende europee partner per la dimostrazione LEO anticollisione

Tre giovani compagnie spaziali europee hanno dichiarato il 9 gennaio di aver collaborato per testare un sistema di prevenzione delle collisioni su un piccolo satellite quest’anno in orbita terrestre bassa (LEO).

I partner prevedono di utilizzare i dati della società portoghese di gestione del traffico spaziale (STM) Neuraspace per guidare i propulsori elettrici sviluppati dalla spagnola Ienai Space su un cubesat costruito da Endurosat, con sede in Bulgaria.

Il satellite, delle dimensioni di 12 cubesat, dovrebbe fare un giro sul secondo lancio del razzo Spectrum di Isar Aerospace con sede in Germania, che dovrebbe debuttare all’inizio del 2023.

Una volta in orbita, i propulsori sarebbero in grado di rispondere agli avvisi di collisione simulati e reali e ai suggerimenti di manovra dalla piattaforma STM di Neuraspace.

La quantità di allarmi di congiunzione in orbite critiche è aumentata di cinque volte negli ultimi anni, poiché un numero record di satelliti vengono inviati intorno alla Terra, ha detto il direttore di Neuraspace Chiara Manfletti in un’intervista.

Ciò ha portato a “uno sforzo di nove volte per esaminare le manovre – se una congiunzione avverrà davvero o meno”.

Gli algoritmi di apprendimento automatico di Neuraspace raccolgono dati di tracciamento dello spazio provenienti da partnership commerciali e fonti pubblicamente disponibili per ridurre questo onere per gli operatori e ridurre le manovre non necessarie.

La società si è assicurata il suo primo contratto commerciale il 29 dicembre con un cliente non divulgato, secondo Manfletti.

Ha detto che Neuraspace ha altri sette clienti pilota che “installeranno qualcosa come oltre 400” satelliti in totale nei prossimi due anni.

La maggior parte di loro sono costruttori di costellazioni in LEO per applicazioni tra cui l’osservazione della Terra e le telecomunicazioni.

“Stiamo dimostrando le nostre capacità mentre parliamo”, ha aggiunto, “ma vogliamo migliorare le nostre strategie di manovra e questo è ciò che questa missione ci permetterà di fare”.

Mentre Neuraspace attualmente utilizza operatori umani sulla Terra per facilitare la guida prodotta dalla sua intelligenza artificiale, la società prevede in definitiva di integrare il suo software a bordo dei satelliti per la manovrabilità autonoma.

Sposando il cervello di Neuraspace con il muscolo fornito dai propulsori di Ienai, le aziende sperano di superare un giorno i limiti di calcolo e potenza che frenano le manovre automatiche di prevenzione delle collisioni sui piccoli satelliti.

Sarà inoltre necessario migliorare la qualità e la portata dei dati di tracciamento spaziale, nonché rafforzare la fiducia con gli operatori.

“Devi prima costruire la fiducia con un operatore e il proprietario del satellite [che] non farai nulla di folle con esso”, ha detto Manfletti.

“Ma se c’è quella fiducia, c’è un’opzione nel nostro flusso di lavoro [attuale, terrestre] in cui il comando può essere caricato automaticamente sul veicolo spaziale o interfacciarsi direttamente con qualsiasi software operativo che utilizzano”.

Nonostante l’uso da parte di SpaceX di propulsori elettrici per guidare i satelliti Starlink lontano dai detriti del test anti-satellite della Russia nel 2021, il CEO di Ienai Daniel Pérez ha affermato che c’è anche “ancora una domanda sul settore” se la tecnologia di propulsione “possa effettivamente funzionare in caso di prevenzione delle collisioni”.

La missione fa parte di altre dimostrazioni di propulsori che Ienai sta pianificando nel 2023 su satelliti sempre più grandi dopo la sua prima dimostrazione in orbita lo scorso anno.

Anche altri payload dei clienti EnduroSat saranno in missione, secondo il produttore bulgaro, che ha schierato il suo primo satellite nel 2018.