Categories
Notizia

Il leader sudcoreano punta a “sbarcare sulla luna nel 2032, su Marte nel 2045”

La Corea del Sud mira a istituire un’agenzia spaziale nazionale sul modello della NASA entro il prossimo anno.

SEOUL, Corea del Sud — Il presidente della Corea del Sud Yoon Suk-yeol ha dichiarato il 28 novembre che il paese farà atterrare un veicolo spaziale robotico sulla luna nel 2032 e su Marte nel 2045, quando la nazione segnerà il 100° anniversario della liberazione da 35 anni di Dominio coloniale giapponese.

Questo faceva parte di una serie di obiettivi di esplorazione spaziale più ampi che il presidente ha svelato durante un discorso programmatico al Korea Space Forum 2022 qui. Per raggiungere gli ambiziosi obiettivi, ha promesso di raddoppiare il budget per lo sviluppo spaziale del governo nei prossimi cinque anni e di incanalare almeno 100 trilioni di won ($ 74,7 miliardi) nel settore spaziale entro il 2045. Il budget spaziale della Corea del Sud per il 2022 è di 734 miliardi di won ($ 553 miliardi ) milioni).

“In futuro, i paesi con una visione spaziale guideranno l’economia mondiale e saranno in grado di risolvere i problemi che l’umanità sta attualmente affrontando”, ha affermato il presidente. “Il sogno di diventare una centrale elettrica nello spazio non è lontano. Sarà un’opportunità e una speranza per i bambini e i giovani”.

Yoon si è impegnato a sviluppare un motore a razzo di nuova generazione per la missione lunare in cinque anni e a lanciare un’agenzia spaziale nazionale sul modello della NASA entro il prossimo anno. L’agenzia prevista, provvisoriamente chiamata Korea Aerospace Administration (KASA), dovrebbe offrire la gestione integrata dei programmi spaziali finanziati dallo stato attualmente sparsi in vari dipartimenti e agenzie, sotto la supervisione del ministero della scienza. 

Yoon non ha approfondito il motore di prossima generazione, che ha detto sarà sviluppato in cinque anni. Un funzionario del ministero della scienza che gestisce lo sviluppo del motore non è stato immediatamente disponibile per un commento. Il motore KRE-075 alimentato a cherosene e ossigeno liquido , utilizzato per lanciare il primo razzo spaziale nazionale della Corea del Sud KSLV-2, è il motore a razzo più avanzato che il paese abbia sviluppato. E il Korea Aerospace Research Institute (KARI) ha iniziato quest’anno a sviluppare motori di spinta da 100 tonnellate alimentati a liquido per missioni future.

Il presidente non ha spiegato perché l’anno obiettivo per lo sbarco sulla luna sia stato posticipato al 2032 dal 2030, fissato dal suo predecessore . Chang Dong-soo, un funzionario del ministero della scienza coinvolto nel progetto di atterraggio sulla luna, ha dichiarato a SpaceNews che il tempo più lungo del previsto per sviluppare un lander e un razzo vettore potrebbe essere la causa del ritardo.

L’atterraggio su Marte è un nuovo obiettivo per la Corea del Sud. I dettagli dovrebbero essere inclusi nella quarta revisione del Piano di base per la promozione dello sviluppo spaziale, un piano quinquennale che copre fino al 2027.

“Entro il 2045, saremo in grado di piantare la nostra bandiera nazionale su Marte”, ha detto Yoon. “Per far sì che ciò accada, svilupperemo tecnologie inimmaginabili ed esploreremo aree inesplorate”.

Alla luce di ciò, ha affermato che il governo intensificherà il trasferimento pubblico-privato delle tecnologie spaziali e avvierà un programma di finanziamento per le società spaziali emergenti. E lo stesso presidente presiederà il National Space Council, il massimo organo decisionale sulle questioni spaziali, attualmente controllato dal primo ministro.

Inoltre, il presidente ha sottolineato che la Corea del Sud rafforzerà i suoi legami con gli Stati Uniti nel settore spaziale, soprattutto per quanto riguarda la sicurezza nazionale.

“L’alleanza Corea-USA sarà estesa all’alleanza spaziale Corea-USA e amplieremo la cooperazione con la società internazionale nella sicurezza spaziale”, ha affermato.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *