Categories
attività commerciale news Notizia

La NASA firma un accordo sulla sicurezza dei voli spaziali con AST SpaceMobile

La NASA ha firmato un accordo con AST SpaceMobile per cooperare sulla sicurezza dei voli spaziali, anche se gli astronomi sono sempre più preoccupati per gli effetti dei satelliti di quella compagnia.

La NASA ha annunciato il 15 dicembre di aver firmato un accordo con la società per creare quello che ha definito “un livello più profondo di coordinamento, cooperazione e condivisione dei dati” tra i due per quanto riguarda le operazioni satellitari, incluso evitare le congiunzioni tra i loro satelliti e evitare le collisioni di lancio.

Il fulcro dell’accordo è con BlueWalker 3, il satellite AST SpaceMobile che la società ha lanciato a settembre e che ha schierato la sua grande antenna phased-array a metà novembre. Include anche la futura costellazione BlueBird dell’azienda, di cui BlueWalker 3 è un prototipo.

Nella sua stessa dichiarazione, AST SpaceMobile ha affermato che collaborerà con il programma di analisi dei rischi di valutazione della congiunzione della NASA sulle pratiche di sicurezza dei voli spaziali. Fornirà inoltre alla US Space Force previsioni aggiornate delle traiettorie del suo veicolo spaziale attraverso il servizio Space Track, consentendo alla Space Force di prevedere potenziali congiunzioni fino a una settimana prima.

“Questo accordo formalizza un impegno tra AST SpaceMobile e la NASA per condividere informazioni e aiutare a salvaguardare l’orbita terrestre bassa”, ha dichiarato Raymond Sedwick, capo scienziato dei sistemi spaziali presso AST SpaceMobile, in una dichiarazione.

Mentre anche l’intera costellazione BlueBird di dozzine di satelliti è significativamente più piccola di megacostellazioni come Starlink di SpaceX, la NASA aveva precedentemente affermato che la dimensione proposta delle antenne su quei satelliti, progettate per abilitare le comunicazioni dirette allo smartphone, rappresentava un pericolo perché dava il satelliti un’area della sezione trasversale molto più grande di altri veicoli spaziali. Da allora AST SpaceMobile ha ridotto le dimensioni di tali antenne.

La NASA ha dichiarato che un altro fattore nell’accordo è che i satelliti di AST SpaceMobile utilizzano quello che l’agenzia ha descritto come un “sistema di manovra ad alto impulso e bassa spinta che potrebbe richiedere complessi piani di manovra di mitigazione del rischio”. La migliore interazione tra la NASA e AST SpaceMobile resa possibile dall’accordo, ha affermato la NASA, garantisce che “tutte le parti coinvolte siano pienamente consapevoli dell’esatta posizione del veicolo spaziale e dei detriti in orbita, risultando in un ambiente spaziale più sicuro per tutti”.

La NASA ha firmato un accordo simile con SpaceX nel marzo 2021 per quanto riguarda la sicurezza del volo spaziale che coinvolge i satelliti Starlink. Come parte di tale accordo, SpaceX ha concordato che, in caso di potenziali congiunzioni tra Starlink e la navicella spaziale della NASA, avrebbe manovrato i satelliti Starlink per evitarli. Gli annunci NASA-AST SpaceMobile non hanno rivelato se esiste una disposizione simile.

Mentre la NASA afferma che l’accordo con AST SpaceMobile migliora la sicurezza dei voli spaziali, un altro gruppo rimane preoccupato per gli effetti dei satelliti dell’azienda. Le grandi dimensioni dell’antenna BlueWalker 3 significano che riflette abbastanza luce solare che, a volte, può essere uno degli oggetti più luminosi nel cielo notturno, con sgomento degli astronomi.

In una dichiarazione del 28 novembre, il Centro per la protezione del cielo scuro e silenzioso dall’interferenza della costellazione satellitare dell’Unione astronomica internazionale (IAU), noto anche come CPS, ha dichiarato di essere preoccupato sia per la luminosità del satellite che per il suo utilizzo di spettro riservato alle applicazioni terrestri che potrebbero interferire con la radioastronomia.

Nel comunicato, CPS ha affermato che BlueWalker 3, dopo aver dispiegato la sua antenna di 64 metri quadrati, può raggiungere una luminosità di magnitudine 1, collocandosi tra le 20 stelle più luminose visibili. Al contrario, i satelliti Starlink, che hanno preoccupato gli astronomi da quando SpaceX ha iniziato a lanciare la costellazione nel 2019, hanno una luminosità compresa tra magnitudine 6 e 7 una volta nelle loro orbite operative, troppo fioche per essere viste ad occhio nudo ma che possono comunque interferire con le osservazioni astronomiche .

I radioastronomi temono che i satelliti AST SpaceMobile possano interferire con gli osservatori anche in aree silenziose che limitano l’uso terrestre di tali frequenze. “Le frequenze assegnate ai telefoni cellulari sono già difficili da osservare anche nelle zone radio silenziose che abbiamo creato per le nostre strutture. Nuovi satelliti come BlueWalker 3 hanno il potenziale per peggiorare questa situazione e compromettere la nostra capacità di fare scienza se non opportunamente mitigati”, ha affermato Philip Diamond, direttore generale dello Square Kilometer Array Observatory, che sta costruendo due grandi osservatori radio in Australia e Sud Africa, nella dichiarazione IAU.

“BlueWalker 3 è un grande cambiamento nella questione dei satelliti della costellazione e dovrebbe darci tutti i motivi per fermarci”, ha dichiarato Piero Benvenuti, direttore di CPS, nella dichiarazione.

L’IAU ha affermato di aver avviato discussioni con AST SpaceMobile sugli effetti dei suoi satelliti sull’astronomia sia ottica che radio. “Le recenti discussioni con alcuni operatori hanno portato a misure di mitigazione”, ha affermato l’organizzazione, “ma è necessario molto più lavoro”.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *