Categories
Notizia

Rapporto del Pentagono: la strategia spaziale della Cina plasmata dal cambiamento tecnologico

DoD nel suo rapporto annuale sulle capacità militari della Cina afferma che il PLA continua a sviluppare armi da utilizzare contro i satelliti in orbita

WASHINGTON – Le ambizioni spaziali della Cina e la rapida adozione della tecnologia commerciale figurano in primo piano nel rapporto annuale del Pentagono del 2022 sugli “Sviluppi militari e di sicurezza che coinvolgono la Repubblica popolare cinese”.

Il rapporto di 174 pagine su mandato del Congresso , pubblicato il 29 novembre, si tuffa nelle capacità militari e di difesa della Cina, che il Pentagono considera “la sfida più consequenziale e sistemica alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti”.

Come ha fatto nei rapporti precedenti, il Pentagono ha nuovamente esortato la Cina a portare avanti gli investimenti in capacità spaziali militari avanzate nonostante la retorica pubblica del regime contro la militarizzazione dello spazio. E il rapporto del 2022 menziona ripetutamente l’ostinata ricerca della “superiorità spaziale” da parte della Cina.

Mentre la RPC “difende ufficialmente l’uso pacifico dello spazio e sta perseguendo accordi nelle Nazioni Unite sulla non armamento dello spazio, continua a migliorare le sue capacità di armi anti-spazio”, afferma il rapporto.

Altre conclusioni evidenziate dal Pentagono sulla strategia spaziale cinese:

  • L’esercito cinese si è riorganizzato per integrare meglio il cyberspazio, lo spazio e la guerra elettronica nelle operazioni. 
  • La strategia spaziale della Cina dovrebbe evolversi nel tempo, tenendo il passo con l’applicazione della nuova tecnologia spaziale. 
  • Il PLA vede la superiorità spaziale come un imperativo per controllare la raccolta di informazioni e le comunicazioni.
  • La percezione della Cina dell’importanza dei satelliti nella strategia e nelle tattiche militari degli Stati Uniti modella la pianificazione e le campagne del PLA. 
  • L’impresa spaziale del PC continua a maturare rapidamente. L’obiettivo di Pechino è diventare una potenza spaziale e superare gli Stati Uniti.
  • La Cina sta investendo in moderne costellazioni satellitari per l’intelligence e la sorveglianza, comunicazioni ad alta velocità di trasmissione dati, posizionamento, navigazione e temporizzazione e previsioni meteorologiche.
  • La Cina ha sviluppato e continuerà a sviluppare armi da utilizzare contro i satelliti in orbita per degradare e negare le capacità spaziali degli avversari.

Una preoccupazione per gli Stati Uniti è la velocità con cui la Cina sta adottando tecnologie commerciali e sfruttando il lancio a basso costo, ha affermato Brendan Mulvaney, direttore del China Aerospace Studies Institute. 

Per decenni solo gli Stati Uniti hanno potuto permettersi di schierare satelliti avanzati e i sistemi cinesi non erano neanche lontanamente così sofisticati, ha detto Mulvaney a SpaceNews . Negli ultimi anni la Cina ha sfruttato satelliti a basso costo e veicoli di lancio che hanno reso lo spazio più accessibile, ha affermato.

“Ciò ha fornito alla Cina la possibilità di recuperare rapidamente il ritardo”, ha affermato Mulvaney. Invece di costruire squisiti satelliti che durano 20 anni o più, la Cina sta implementando quelli più economici destinati a durare solo cinque anni, e nello stesso ciclo di 20 anni aggiorna la tecnologia più volte. 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *