Categorie
Notizia

Rapporto del Pentagono: la strategia spaziale della Cina plasmata dal cambiamento tecnologico

DoD nel suo rapporto annuale sulle capacità militari della Cina afferma che il PLA continua a sviluppare armi da utilizzare contro i satelliti in orbita

WASHINGTON – Le ambizioni spaziali della Cina e la rapida adozione della tecnologia commerciale figurano in primo piano nel rapporto annuale del Pentagono del 2022 sugli “Sviluppi militari e di sicurezza che coinvolgono la Repubblica popolare cinese”.

Il rapporto di 174 pagine su mandato del Congresso , pubblicato il 29 novembre, si tuffa nelle capacità militari e di difesa della Cina, che il Pentagono considera “la sfida più consequenziale e sistemica alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti”.

Come ha fatto nei rapporti precedenti, il Pentagono ha nuovamente esortato la Cina a portare avanti gli investimenti in capacità spaziali militari avanzate nonostante la retorica pubblica del regime contro la militarizzazione dello spazio. E il rapporto del 2022 menziona ripetutamente l’ostinata ricerca della “superiorità spaziale” da parte della Cina.

Mentre la RPC “difende ufficialmente l’uso pacifico dello spazio e sta perseguendo accordi nelle Nazioni Unite sulla non armamento dello spazio, continua a migliorare le sue capacità di armi anti-spazio”, afferma il rapporto.

Altre conclusioni evidenziate dal Pentagono sulla strategia spaziale cinese:

  • L’esercito cinese si è riorganizzato per integrare meglio il cyberspazio, lo spazio e la guerra elettronica nelle operazioni. 
  • La strategia spaziale della Cina dovrebbe evolversi nel tempo, tenendo il passo con l’applicazione della nuova tecnologia spaziale. 
  • Il PLA vede la superiorità spaziale come un imperativo per controllare la raccolta di informazioni e le comunicazioni.
  • La percezione della Cina dell’importanza dei satelliti nella strategia e nelle tattiche militari degli Stati Uniti modella la pianificazione e le campagne del PLA. 
  • L’impresa spaziale del PC continua a maturare rapidamente. L’obiettivo di Pechino è diventare una potenza spaziale e superare gli Stati Uniti.
  • La Cina sta investendo in moderne costellazioni satellitari per l’intelligence e la sorveglianza, comunicazioni ad alta velocità di trasmissione dati, posizionamento, navigazione e temporizzazione e previsioni meteorologiche.
  • La Cina ha sviluppato e continuerà a sviluppare armi da utilizzare contro i satelliti in orbita per degradare e negare le capacità spaziali degli avversari.

Una preoccupazione per gli Stati Uniti è la velocità con cui la Cina sta adottando tecnologie commerciali e sfruttando il lancio a basso costo, ha affermato Brendan Mulvaney, direttore del China Aerospace Studies Institute. 

Per decenni solo gli Stati Uniti hanno potuto permettersi di schierare satelliti avanzati e i sistemi cinesi non erano neanche lontanamente così sofisticati, ha detto Mulvaney a SpaceNews . Negli ultimi anni la Cina ha sfruttato satelliti a basso costo e veicoli di lancio che hanno reso lo spazio più accessibile, ha affermato.

“Ciò ha fornito alla Cina la possibilità di recuperare rapidamente il ritardo”, ha affermato Mulvaney. Invece di costruire squisiti satelliti che durano 20 anni o più, la Cina sta implementando quelli più economici destinati a durare solo cinque anni, e nello stesso ciclo di 20 anni aggiorna la tecnologia più volte. 

Categorie
Notizia

Il leader sudcoreano punta a “sbarcare sulla luna nel 2032, su Marte nel 2045”

La Corea del Sud mira a istituire un’agenzia spaziale nazionale sul modello della NASA entro il prossimo anno.

SEOUL, Corea del Sud — Il presidente della Corea del Sud Yoon Suk-yeol ha dichiarato il 28 novembre che il paese farà atterrare un veicolo spaziale robotico sulla luna nel 2032 e su Marte nel 2045, quando la nazione segnerà il 100° anniversario della liberazione da 35 anni di Dominio coloniale giapponese.

Questo faceva parte di una serie di obiettivi di esplorazione spaziale più ampi che il presidente ha svelato durante un discorso programmatico al Korea Space Forum 2022 qui. Per raggiungere gli ambiziosi obiettivi, ha promesso di raddoppiare il budget per lo sviluppo spaziale del governo nei prossimi cinque anni e di incanalare almeno 100 trilioni di won ($ 74,7 miliardi) nel settore spaziale entro il 2045. Il budget spaziale della Corea del Sud per il 2022 è di 734 miliardi di won ($ 553 miliardi ) milioni).

“In futuro, i paesi con una visione spaziale guideranno l’economia mondiale e saranno in grado di risolvere i problemi che l’umanità sta attualmente affrontando”, ha affermato il presidente. “Il sogno di diventare una centrale elettrica nello spazio non è lontano. Sarà un’opportunità e una speranza per i bambini e i giovani”.

Yoon si è impegnato a sviluppare un motore a razzo di nuova generazione per la missione lunare in cinque anni e a lanciare un’agenzia spaziale nazionale sul modello della NASA entro il prossimo anno. L’agenzia prevista, provvisoriamente chiamata Korea Aerospace Administration (KASA), dovrebbe offrire la gestione integrata dei programmi spaziali finanziati dallo stato attualmente sparsi in vari dipartimenti e agenzie, sotto la supervisione del ministero della scienza. 

Yoon non ha approfondito il motore di prossima generazione, che ha detto sarà sviluppato in cinque anni. Un funzionario del ministero della scienza che gestisce lo sviluppo del motore non è stato immediatamente disponibile per un commento. Il motore KRE-075 alimentato a cherosene e ossigeno liquido , utilizzato per lanciare il primo razzo spaziale nazionale della Corea del Sud KSLV-2, è il motore a razzo più avanzato che il paese abbia sviluppato. E il Korea Aerospace Research Institute (KARI) ha iniziato quest’anno a sviluppare motori di spinta da 100 tonnellate alimentati a liquido per missioni future.

Il presidente non ha spiegato perché l’anno obiettivo per lo sbarco sulla luna sia stato posticipato al 2032 dal 2030, fissato dal suo predecessore . Chang Dong-soo, un funzionario del ministero della scienza coinvolto nel progetto di atterraggio sulla luna, ha dichiarato a SpaceNews che il tempo più lungo del previsto per sviluppare un lander e un razzo vettore potrebbe essere la causa del ritardo.

L’atterraggio su Marte è un nuovo obiettivo per la Corea del Sud. I dettagli dovrebbero essere inclusi nella quarta revisione del Piano di base per la promozione dello sviluppo spaziale, un piano quinquennale che copre fino al 2027.

“Entro il 2045, saremo in grado di piantare la nostra bandiera nazionale su Marte”, ha detto Yoon. “Per far sì che ciò accada, svilupperemo tecnologie inimmaginabili ed esploreremo aree inesplorate”.

Alla luce di ciò, ha affermato che il governo intensificherà il trasferimento pubblico-privato delle tecnologie spaziali e avvierà un programma di finanziamento per le società spaziali emergenti. E lo stesso presidente presiederà il National Space Council, il massimo organo decisionale sulle questioni spaziali, attualmente controllato dal primo ministro.

Inoltre, il presidente ha sottolineato che la Corea del Sud rafforzerà i suoi legami con gli Stati Uniti nel settore spaziale, soprattutto per quanto riguarda la sicurezza nazionale.

“L’alleanza Corea-USA sarà estesa all’alleanza spaziale Corea-USA e amplieremo la cooperazione con la società internazionale nella sicurezza spaziale”, ha affermato.

Categorie
Notizia

I piani ExoMars dell’ESA dipendono dai contributi della NASA

Sebbene l’Agenzia spaziale europea abbia ottenuto finanziamenti per continuare la missione ExoMars per un lancio nel 2028, tale piano richiede una cooperazione con la NASA che deve ancora essere finalizzata.

In una conferenza stampa del 23 novembre al termine di una riunione del consiglio ministeriale di due giorni , il direttore generale dell’ESA Josef Aschbacher ha affermato che l’agenzia si è assicurata finanziamenti dai suoi stati membri per continuare la missione ExoMars, che era stata bloccata dopo che l’ESA ha interrotto la cooperazione con la Russia all’indomani dell’invasione russa dell’Ucraina, pochi mesi prima del lancio previsto per settembre 2022.

L’ESA ha partecipato alla riunione alla ricerca di circa la metà dei 700 milioni di euro (725 milioni di dollari) necessari per sostituire i componenti della missione che la Russia doveva originariamente fornire, inclusa la piattaforma di atterraggio che avrebbe portato il rover Rosalind Franklin dell’ESA sulla superficie di Marte.

“Ci sono state diverse opzioni che sono state discusse, fino a mettere il rover Rosalind Franklin in un museo”, ha detto Aschbacher. “Sono molto lieto di poter dire che abbiamo trovato una strada molto positiva”. Non ha rivelato quanti finanziamenti gli stati membri dell’ESA hanno contribuito a ExoMars.

La missione, ora prevista per il lancio nel 2028, sostituirà principalmente le componenti russe con quelle europee, con diverse eccezioni. “Ci aspettiamo che anche gli Stati Uniti contribuiscano a questo, con un lanciatore, un motore frenante e gli RHU, le unità di riscaldamento dei radioisotopi”, ha affermato. “Ma la maggior parte della futura missione ExoMars è europea.”

Questi contributi della NASA sono in linea con i precedenti commenti dei funzionari del progetto . A maggio, Jorge Vago, scienziato del progetto ExoMars presso l’ESA, ha affermato che l’agenzia avrebbe probabilmente bisogno di propulsori per il nuovo sistema di atterraggio come quelli Aerojet Rocketdyne prodotti per i lander della NASA su Marte perché non ci sono propulsori simili disponibili da fonti europee.

In Europa manca anche il plutonio-238 utilizzato per gli RHU, dispositivi delle dimensioni di una batteria a celle C che forniscono riscaldamento attraverso il decadimento radioattivo. Ad esempio, i rover Mars Spirit e Opportunity a energia solare della NASA, ad esempio, hanno utilizzato ciascuno otto RHU per mantenere il veicolo spaziale caldo senza utilizzare energia elettrica. La fornitura delle RHU, a sua volta, richiederebbe il lancio su un veicolo statunitense poiché le RHU non possono essere esportate.

Una fonte del settore, parlando in background, ha affermato che il lancio sarà il contributo più costoso, con il contributo complessivo della NASA probabilmente dell’ordine di un paio di centinaia di milioni di dollari. La NASA dovrebbe, a sua volta, cercare opportunità per gli scienziati statunitensi di partecipare a ExoMars in cambio di tale contributo.

Sia i funzionari dell’ESA che quelli della NASA hanno accennato per mesi a un ruolo della NASA in questo senso per supportare la missione ExoMars, ma sono stati reticenti a entrare nei dettagli. Uno schbacher e l’amministratore della NASA Bill Nelson si sono incontrati a giugno , e Aschbacher ha dichiarato in un briefing di aver ricevuto una lettera di supporto “molto forte” riguardo a ExoMars da Nelson, ma nessun impegno fermo.

Aschbacher ha detto al briefing che quei contributi della NASA pianificati erano in attesa di un accordo ancora da finalizzare tra le agenzie. “Il loro contributo deve ancora essere confermato perché hanno aspettato la nostra decisione oggi”, ha detto.

La NASA non ha commentato pubblicamente i suoi piani per ExoMars dalla riunione ministeriale e un portavoce dell’agenzia non ha risposto alle domande del 23 novembre sui piani della NASA per la missione.