Categories
attività commerciale news Notizia

Le banche uniscono le forze per garantire che i cittadini e le imprese del Regno Unito abbiano accesso al contante

Le principali banche del Regno Unito hanno accettato di collaborare e condividere servizi al fine di garantire che i consumatori e le aziende possano continuare ad accedere al contante.

La nuova strategia è stata approvata da Barclays, HSBC UK, Lloyds Banking Group, Nationwide Building Society, NatWest, Santander UK, TSB e Danske Bank, con alcune altre aziende che stanno pensando di aderire.

L’impegno dell’Access to Cash Action Group dimostra un impegno a lungo termine per garantire l’accesso universale al contante e alle banche per le aree con servizi inadeguati.

Ciò implica che se una banca che partecipa al progetto decide di chiudere una filiale, deve notificare la rete ATM Link entro mercoledì.

Link condurrà una valutazione indipendente dell’impatto della chiusura sulla fornitura di liquidità, tenendo conto della comunità nel suo complesso, compresi i residenti e le imprese. Esaminerà se è necessaria o meno una nuova soluzione.

Se, ad esempio, non rimangono filiali bancarie, Link può controllare se esiste un ufficio postale nelle vicinanze. Potrebbe indicare un ufficio postale restaurato o un centro finanziario, ad esempio.

Gli hub bancari sono collaborazioni tra banche che forniscono servizi di cassa di base nelle strade principali, nonché luoghi in cui i clienti possono parlare con la propria banca. In diversi giorni della settimana, ogni banca può offrire i propri servizi da un hub.

A partire dall’estate del 2022, le comunità saranno in grado di chiedere una valutazione delle loro esigenze.

 

Categories
attività commerciale news Notizia

L’industria farmaceutica sudcoreana investe 50 milioni di dollari in Axiom Space

Boryung, una società farmaceutica sudcoreana, ha deciso di investire 50 milioni di dollari nel round di finanziamento Series C dello sviluppatore di stazioni spaziali commerciali statunitensi Axiom Space.

La società con sede a Seoul ha annunciato la decisione in un deposito normativo del 21 dicembre al Financial Supervisory Service, definendo l’accordo un “investimento lungimirante” volto a stabilire una base commerciale nello spazio.

Boryung prenderà una partecipazione del 2,28% in Axiom entro il 30 dicembre in cambio dell’investimento, secondo il deposito. Ciò segue l’investimento di 10 milioni di dollari di Boryung in Axiom, rivelato in un deposito normativo del 16 maggio, che ha dato alla società coreana una partecipazione dello 0,4% nello sviluppatore della stazione spaziale.

“Questo investimento strategico in Axiom getterà le basi per trovare diverse opportunità di business nel settore spaziale privato”, ha detto Boryung in una dichiarazione del 21 dicembre. 

Lee Young-hyeok, un portavoce di Boryung, ha dichiarato a SpaceNews che la società ha un “forte impegno nell’esplorare soluzioni sanitarie spaziali”.

Amir Blachman’ Chief Investment Officer di Axiom, ha dichiarato che l’investimento di Boryung è “parte di un round di finanziamento più ampio” che la società statunitense “chiuderà verso l’inizio del nuovo anno”.

Axiom ha raccolto $ 130 milioni in fondi di serie B all’inizio del 2021 – il suo round di finanziamento più recente – da un gruppo di investitori che includeva Starbridge Venture Capital, che era l’unico investitore nel finanziamento di serie A di Axiom nel 2018.

Fondata nel 1957 come farmacia mom-and-pop a Seoul, Boryung è ora una delle principali aziende sanitarie in Corea del Sud che offre una gamma di prodotti e servizi medici e sanitari. Ha registrato 627,3 miliardi di won (488 milioni di dollari) di vendite nel 2021, in crescita dell’11,6% su base annua, con un utile operativo in aumento del 3,7% a 41,4 miliardi di won.

Il portavoce di Boryung ha detto che i suoi progetti legati allo spazio sono tutti avviati e gestiti da una task force, chiamata Global Investment Center, che è sotto il controllo diretto del CEO Jay Kim. 

L’amministratore delegato ha avuto un incontro one-to-one chiuso il 17 maggio con il fondatore e CEO di Axiom Kam Ghaffarian a Seoul.

Boryung, insieme ad Axiom e Starburst Aerospace, ha ospitato quest’anno la “Care in Space Challenge”, un programma collaborativo di incubazione di startup spaziali che assegna agli imprenditori vincitori e alle loro aziende un investimento azionario di $ 100.000 e l’ammissione al programma di accelerazione di 13 settimane di Starburst per aiutare a portare a compimento le loro idee.

Jeff Foust, senior staff writer di Space News, ha contribuito a questo articolo da Washington.

 

Categories
attività commerciale news Notizia

La NASA firma un accordo sulla sicurezza dei voli spaziali con AST SpaceMobile

La NASA ha firmato un accordo con AST SpaceMobile per cooperare sulla sicurezza dei voli spaziali, anche se gli astronomi sono sempre più preoccupati per gli effetti dei satelliti di quella compagnia.

La NASA ha annunciato il 15 dicembre di aver firmato un accordo con la società per creare quello che ha definito “un livello più profondo di coordinamento, cooperazione e condivisione dei dati” tra i due per quanto riguarda le operazioni satellitari, incluso evitare le congiunzioni tra i loro satelliti e evitare le collisioni di lancio.

Il fulcro dell’accordo è con BlueWalker 3, il satellite AST SpaceMobile che la società ha lanciato a settembre e che ha schierato la sua grande antenna phased-array a metà novembre. Include anche la futura costellazione BlueBird dell’azienda, di cui BlueWalker 3 è un prototipo.

Nella sua stessa dichiarazione, AST SpaceMobile ha affermato che collaborerà con il programma di analisi dei rischi di valutazione della congiunzione della NASA sulle pratiche di sicurezza dei voli spaziali. Fornirà inoltre alla US Space Force previsioni aggiornate delle traiettorie del suo veicolo spaziale attraverso il servizio Space Track, consentendo alla Space Force di prevedere potenziali congiunzioni fino a una settimana prima.

“Questo accordo formalizza un impegno tra AST SpaceMobile e la NASA per condividere informazioni e aiutare a salvaguardare l’orbita terrestre bassa”, ha dichiarato Raymond Sedwick, capo scienziato dei sistemi spaziali presso AST SpaceMobile, in una dichiarazione.

Mentre anche l’intera costellazione BlueBird di dozzine di satelliti è significativamente più piccola di megacostellazioni come Starlink di SpaceX, la NASA aveva precedentemente affermato che la dimensione proposta delle antenne su quei satelliti, progettate per abilitare le comunicazioni dirette allo smartphone, rappresentava un pericolo perché dava il satelliti un’area della sezione trasversale molto più grande di altri veicoli spaziali. Da allora AST SpaceMobile ha ridotto le dimensioni di tali antenne.

La NASA ha dichiarato che un altro fattore nell’accordo è che i satelliti di AST SpaceMobile utilizzano quello che l’agenzia ha descritto come un “sistema di manovra ad alto impulso e bassa spinta che potrebbe richiedere complessi piani di manovra di mitigazione del rischio”. La migliore interazione tra la NASA e AST SpaceMobile resa possibile dall’accordo, ha affermato la NASA, garantisce che “tutte le parti coinvolte siano pienamente consapevoli dell’esatta posizione del veicolo spaziale e dei detriti in orbita, risultando in un ambiente spaziale più sicuro per tutti”.

La NASA ha firmato un accordo simile con SpaceX nel marzo 2021 per quanto riguarda la sicurezza del volo spaziale che coinvolge i satelliti Starlink. Come parte di tale accordo, SpaceX ha concordato che, in caso di potenziali congiunzioni tra Starlink e la navicella spaziale della NASA, avrebbe manovrato i satelliti Starlink per evitarli. Gli annunci NASA-AST SpaceMobile non hanno rivelato se esiste una disposizione simile.

Mentre la NASA afferma che l’accordo con AST SpaceMobile migliora la sicurezza dei voli spaziali, un altro gruppo rimane preoccupato per gli effetti dei satelliti dell’azienda. Le grandi dimensioni dell’antenna BlueWalker 3 significano che riflette abbastanza luce solare che, a volte, può essere uno degli oggetti più luminosi nel cielo notturno, con sgomento degli astronomi.

In una dichiarazione del 28 novembre, il Centro per la protezione del cielo scuro e silenzioso dall’interferenza della costellazione satellitare dell’Unione astronomica internazionale (IAU), noto anche come CPS, ha dichiarato di essere preoccupato sia per la luminosità del satellite che per il suo utilizzo di spettro riservato alle applicazioni terrestri che potrebbero interferire con la radioastronomia.

Nel comunicato, CPS ha affermato che BlueWalker 3, dopo aver dispiegato la sua antenna di 64 metri quadrati, può raggiungere una luminosità di magnitudine 1, collocandosi tra le 20 stelle più luminose visibili. Al contrario, i satelliti Starlink, che hanno preoccupato gli astronomi da quando SpaceX ha iniziato a lanciare la costellazione nel 2019, hanno una luminosità compresa tra magnitudine 6 e 7 una volta nelle loro orbite operative, troppo fioche per essere viste ad occhio nudo ma che possono comunque interferire con le osservazioni astronomiche .

I radioastronomi temono che i satelliti AST SpaceMobile possano interferire con gli osservatori anche in aree silenziose che limitano l’uso terrestre di tali frequenze. “Le frequenze assegnate ai telefoni cellulari sono già difficili da osservare anche nelle zone radio silenziose che abbiamo creato per le nostre strutture. Nuovi satelliti come BlueWalker 3 hanno il potenziale per peggiorare questa situazione e compromettere la nostra capacità di fare scienza se non opportunamente mitigati”, ha affermato Philip Diamond, direttore generale dello Square Kilometer Array Observatory, che sta costruendo due grandi osservatori radio in Australia e Sud Africa, nella dichiarazione IAU.

“BlueWalker 3 è un grande cambiamento nella questione dei satelliti della costellazione e dovrebbe darci tutti i motivi per fermarci”, ha dichiarato Piero Benvenuti, direttore di CPS, nella dichiarazione.

L’IAU ha affermato di aver avviato discussioni con AST SpaceMobile sugli effetti dei suoi satelliti sull’astronomia sia ottica che radio. “Le recenti discussioni con alcuni operatori hanno portato a misure di mitigazione”, ha affermato l’organizzazione, “ma è necessario molto più lavoro”.

 

Categories
news Notizia

L’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva la risoluzione del divieto di test ASAT

WASHINGTON – L’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione che chiede l’interruzione di un tipo di test anti-satellite (ASAT), una mossa in gran parte simbolica intesa a sostenere iniziative di sostenibilità spaziale più ampie.

La risoluzione, presentata dagli Stati Uniti e da diverse altre nazioni, è stata approvata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite il 7 dicembre insieme a dozzine di altre risoluzioni sul controllo degli armamenti e argomenti correlati con poche discussioni o dibattiti. Un totale di 155 nazioni hanno votato a favore della risoluzione, con 9 voti contrari e altri 9 astenuti.

La risoluzione invita i paesi a interrompere i test distruttivi delle armi ASAT ad ascesa diretta, citando la preoccupazione che ciò crei grandi quantità di detriti che minacciano la sicurezza di altri satelliti. Un esempio è il test ASAT del novembre 2021 della Russia che ha distrutto il satellite Cosmos 1408, creando quasi 1.800 pezzi di detriti tracciati e probabilmente molti altri oggetti troppo piccoli per essere tracciati. Circa un terzo dei detriti tracciati da quel test era ancora in orbita quasi un anno dopo.

La risoluzione non è vincolante nel senso che non richiede ai paesi di interrompere tali test, invitando invece gli stati ad astenersi dal condurre test. Afferma di considerare tale impegno ad astenersi dai test “una misura iniziale urgente volta a prevenire danni all’ambiente dello spazio esterno, contribuendo anche allo sviluppo di ulteriori misure per la prevenzione di una corsa agli armamenti nello spazio”. Supporta inoltre i continui sforzi per sviluppare “ulteriori misure pratiche” per ridurre i rischi nello spazio.

Il voto dell’Assemblea Generale è stato quasi identico a quello del Primo Comitato delle Nazioni Unite, che si occupa di questioni relative al disarmo e alla sicurezza internazionale. Ha votato 154-8 a favore della risoluzione del 1° novembre, con l’astensione di 10 paesi.

Gli otto paesi che hanno votato contro la risoluzione nel Primo Comitato – Bielorussia, Bolivia, Cina, Cuba, Iran, Nicaragua, Russia e Siria – hanno anche votato contro la risoluzione nell’Assemblea Generale. A loro si è unita la Repubblica Centrafricana, che ha votato a favore della risoluzione nel Primo Comitato ma contro in Assemblea Generale per motivi sconosciuti. L’India è stata tra i paesi che si sono astenuti dal voto, sia nel Primo Comitato che nell’Assemblea Generale.

Il vicepresidente Kamala Harris, che ha annunciato ad aprile che gli Stati Uniti si sarebbero astenuti dai test distruttivi ASAT di risalita diretta e ha invitato altri a fare lo stesso, ha accolto con favore il voto delle Nazioni Unite. “Ad aprile, ho annunciato che gli Stati Uniti non condurranno test distruttivi sui missili anti-satellite ad ascesa diretta e ho invitato altre nazioni a unirsi a noi. Oggi, 155 paesi hanno votato a favore di una risoluzione delle Nazioni Unite, contribuendo a stabilirla come norma internazionale per lo spazio”, ha twittato dopo il voto.

Dall’annuncio di Harris in aprile, altri nove paesi hanno annunciato il proprio impegno a non condurre tali test, più recentemente la Francia il 29 novembre . Nessuno dei paesi aveva programmi di test ASAT con risalita diretta attivi.

La risoluzione è uno dei numerosi sforzi per promuovere attività spaziali sicure e sostenibili. Uno sforzo parallelo, avviato da un’altra risoluzione delle Nazioni Unite un anno fa, ha istituito un gruppo di lavoro aperto per discutere i modi per ridurre le minacce spaziali. Quel gruppo di lavoro si è riunito due volte, con altre due riunioni programmate per il 2023 prima di offrire le sue conclusioni per le azioni future.

Uno sforzo separato, gli Artemis Accords, cerca di promuovere attività sicure e sostenibili nell’esplorazione dello spazio. Pur non trattando direttamente questioni come i test ASAT, gli accordi invitano i paesi a limitare la generazione di detriti orbitali, invitando alla trasparenza nelle attività spaziali e affermando l’uso dello spazio per scopi pacifici.

“Noi e gli altri firmatari originali degli Accordi Artemis ci siamo riuniti per pensare alla prossima era dell’esplorazione spaziale e assicurarci che fosse attuata in conformità con i principi fondamentali del comportamento responsabile”, ha dichiarato Pam Melroy, vice amministratore della NASA. un discorso il 12 dicembre a un evento della Secure World Foundation sugli Accordi.

Gli Stati Uniti e altre sette nazioni sono stati i firmatari originali degli Accordi Artemis nell’ottobre 2020. Ventuno nazioni hanno ora firmato gli Accordi e Melroy ha affermato nelle sue osservazioni che si aspettava che più nazioni si unissero nel prossimo futuro.

Categories
news Notizia

Collins Aerospace selezionato per sviluppare la nuova tuta spaziale della stazione spaziale

La NASA ha selezionato Collins Aerospace per sviluppare una tuta spaziale di nuova generazione per la Stazione Spaziale Internazionale, sostituendo le vecchie tute che sono diventate un problema di sicurezza.

La NASA ha assegnato a Collins un ordine di attività del valore di 97,2 milioni di dollari per progettare, costruire e dimostrare la tuta, che sostituirà le tute dell’Unità di mobilità extraveicolare (EMU) esistenti e vecchie di decenni utilizzate per le passeggiate nello spazio al di fuori della ISS. L’ordine delle attività copre lo sviluppo della tuta e i test sulla Terra in un ambiente spaziale simulato entro gennaio 2024.

Un’opzione nell’ordine del compito, il cui valore non è stato reso noto, comporterebbe la dimostrazione della tuta durante una passeggiata spaziale sulla ISS con gli astronauti della NASA, entro aprile 2026.

“La nostra tuta spaziale di nuova generazione è stata costruita dagli astronauti per gli astronauti, continuando l’eredità di lunga data di Collins come partner fidato dell’esplorazione spaziale umana della NASA”, ha dichiarato Dave McClure, vicepresidente e direttore generale di Collins, in una dichiarazione della società. Il team Collins comprende ILC Dover e Oceaneering.

L’azienda ha rilasciato pochi dettagli sul design della tuta, oltre a dire che è più leggera e meno ingombrante dell’attuale EMU, migliorando l’efficienza, la libertà di movimento e il comfort. La tuta è inoltre progettata per adattarsi “quasi” a qualsiasi tipo di corporatura per soddisfare i requisiti della NASA.

La NASA ha cercato per anni opzioni per sostituire le EMU, che sono vecchie di decenni e mostrano segni di invecchiamento. La NASA ha interrotto le passeggiate spaziali fuori dalla stazione per diversi mesi all’inizio di quest’anno dopo aver notato dell’acqua nel casco di un astronauta, Matthias Maurer, durante una passeggiata spaziale di marzo. Un’indagine non ha rilevato alcun difetto hardware con la tuta e la NASA ha concluso in ottobre che “le prestazioni del sistema integrato” che coinvolgono diverse variabili hanno causato la raccolta dell’acqua nel casco della tuta .

La NASA ha affermato di aver aggiornato le procedure e sviluppato “un nuovo hardware di mitigazione” per ridurre al minimo l’accumulo di acqua e assorbire l’eventuale acqua che si accumula nel casco. Con queste misure, la NASA ha ripreso le passeggiate spaziali sulla ISS a novembre.

L’Aerospace Safety Advisory Panel della NASA ha monitorato attentamente il problema. Il panel, che fornisce consulenza alla NASA su questioni di sicurezza, si è da tempo preoccupato dell’invecchiamento delle tute spaziali e dei rischi che rappresentavano per gli astronauti.

“Mentre noi, il panel, abbiamo continuato a essere preoccupati per la sostenibilità a lungo termine delle tute spaziali della ISS, data la loro età, la risoluzione del più recente problema di intrusione d’acqua è ragionevole”, ha affermato Sandy Magnus, membro del panel ed ex astronauta, durante una riunione pubblica del panel del 27 ottobre. “Non vediamo l’ora di saperne di più sui tempi e sul dispiegamento delle nuove tute”.

La NASA ha selezionato Collins e Axiom Space a giugno per contratti chiamati Exploration Extravehicular Activity Services . Le due società avrebbero quindi gareggiato per gli ordini di attività per sviluppare tute spaziali e fornirle alla NASA come servizio, piuttosto che farle possedere dall’agenzia. Ciò consentirebbe alle società di offrire le tute ad altri clienti, come le società che sviluppano stazioni spaziali commerciali.

La NASA ha selezionato Axiom Space a settembre per il primo ordine di attività per sviluppare tute per le missioni Artemis, un premio del valore di 228,5 milioni di dollari. Né la NASA né Axiom hanno rilasciato dettagli sul design della tuta. La NASA ha dichiarato di aver ricevuto proposte da entrambe le società, ma non ha rivelato il motivo per cui ha scelto Axiom.

Un membro del team Collins suggerisce che sono ancora in corsa per fornire tute spaziali per successive missioni lunari adattando il progetto che svilupperanno per la ISS. “Sfruttando la nostra esperienza decennale nella progettazione degli indumenti a pressione per le missioni Apollo e la ISS, le nostre ultime tute spaziali potranno essere equipaggiate per le missioni dalla ISS alla superficie lunare e oltre”, ha affermato Corey Walker, amministratore delegato di ILC Dover .

Categories
news Notizia

La Defense Innovation Unit cerca opzioni commerciali per dispiegare satelliti nello spazio profondo

Il Dipartimento della Difesa è alla ricerca di un “accesso reattivo” allo spazio cislunare

La Defense Innovation Unit sta cercando proposte per servizi commerciali per dispiegare e gestire carichi utili nello spazio esterno oltre l’orbita terrestre, un’area nota come spazio cislunare.

DIU, un’agenzia del Dipartimento della Difesa creata per portare la tecnologia sviluppata commercialmente nei programmi militari, è alla ricerca di un “accesso reattivo” alla vasta regione dello spazio che inizia nell’orbita terrestre geosincrona e si estende fino al punto di Lagrange Terra-Luna sul lato più lontano della luna.

Lo spazio esterno oltre GEO “sperimenterà un rapido afflusso di attività da fonti nazionali, internazionali e commerciali in questo decennio”, ha detto DIU in una sollecitazione del 7 dicembre. “Mentre gli Stati Uniti si preparano a tornare sulla luna, la necessità di un accesso reattivo a questa regione è assolutamente necessaria”.

Il Dipartimento della Difesa è interessato a “soluzioni commerciali per implementare l’accesso reattivo a xGEO e dimostrare la consegna tempestiva e precisa di un veicolo spaziale in un’orbita predeterminata in xGEO”.

Il nuovo progetto della DIU sullo spazio cislunare arriva sulla scia dell’aggiudicazione del contratto da 72 milioni di dollari dell’Air Force Research Laboratory per un veicolo spaziale sperimentale per monitorare la regione xGEO.

I leader militari statunitensi hanno avvertito che la crescente attività nello spazio cislunare potrebbe trasformare questa regione in un dominio conteso mentre i paesi cercano l’accesso alle risorse lunari e si appostano nelle aree di giurisdizione. Gli attuali sensori utilizzati dai militari per la consapevolezza del dominio spaziale sono stati progettati per tracciare i satelliti nelle orbite terrestri, a distanze di 36.000 chilometri o più vicine, non per lo spazio cislunare che si estende per 385.000 chilometri e ha diverse traiettorie orbitali.

DIU ha detto che le aziende che fanno offerte per questo progetto possono aspettarsi molte sfide tecniche. “L’infrastruttura di comunicazione è scarsa, l’ambiente di radiazione è duro e la gravità della luna e del sole ha effetti maggiori sul mantenimento e sulle manovre della stazione”, ha detto la sollecitazione.

Le proposte devono essere presentate il 21 dicembre.

Il piano è quello di finanziare satelliti sperimentali con una suite di carichi utili o strumenti in grado di operare in uno o più dei cinque punti di Lagrange Terra-Luna e orbite lunari. DIU è alla ricerca di proposte per sistemi che possono essere prototipati entro 12-18 mesi dall’aggiudicazione del contratto.

“I metodi di consegna possono includere una combinazione di lancio terrestre e logistica multi-orbita”, ha detto DIU.

I satelliti possono essere ovunque, dai cubesat ai piccoli satelliti di classe ESPA, e devono avere almeno uno o più carichi utili per l’imaging visibile e infrarosso, l’elaborazione delle immagini a bordo, la propulsione ad alto impulso, l’autonomia, il monitoraggio delle radiazioni spaziali e le comunicazioni.

Il DoD vuole anche esplorare l’integrazione di carichi utili commerciali e di proprietà del governo sullo stesso veicolo spaziale.

Dopo aver ricevuto le proposte, DIU potrebbe raccomandare che le aziende che offrono tecnologie complementari lavorino insieme, sebbene i fornitori possano proporre i propri accordi di collaborazione.

Le aziende selezionate riceveranno contratti OTA (Other Transaction Agreement) per prototipare sistemi e DIU ha la possibilità di assegnare contratti di produzione successivi “senza l’uso di procedure competitive”.

Categories
news Notizia

L’ucraina Promin Aerospace sulla buona strada per i test di volo del 2023

La startup ucraina Promin Aerospace rimane sulla buona strada per condurre il primo test della sua tecnologia di lancio di piccoli satelliti all’inizio del prossimo anno, nonostante la guerra russo-ucraina in corso.

“Abbiamo fatto molta ricerca, sviluppo e produzione negli ultimi 10 mesi e abbiamo assunto due ingegneri ad agosto”, ha detto Misha Rudominski, CEO e co-fondatore di Promin, a SpaceNews..

Rimanere in pista nel bel mezzo di una guerra non è stato facile.

Il laboratorio di ricerca e sviluppo di Promin ha sede a Dnipro, una città ucraina centrale che è stata colpita da missili russi. Per mantenere i dipendenti al sicuro, Promin non pubblicizza la posizione del suo laboratorio. L’azienda si impegna inoltre a prevenire interruzioni di corrente mantenendo due circuiti elettrici separati.

“Non possiamo davvero spostarci fuori città perché è lì che assumiamo. È lì che si trovano molti specialisti”, ha detto Rudominski.

Dnipro è noto per la sua competenza aerospaziale perché ospita la società aerospaziale statale ucraina Yuzhmash e l’ufficio di progettazione della tecnologia spaziale Yuzhnoe.

Anche se il lavoro continua, la guerra costrinse Promin a ridimensionare i piani di espansione.

Il 22 febbraio, due giorni prima dell’invasione russa, Rudominski ha inviato il primo gruppo di e-mail in cerca di investimenti in semi. Quando è iniziata la guerra, i dirigenti di Promin si sono resi conto che i loro piani di investimento avrebbero dovuto essere messi in attesa, mentre la loro attenzione si è spostata sulla sicurezza di dipendenti, famiglie e amici, oltre al sostegno alla difesa ucraina e agli sforzi di soccorso umanitario..

All’inizio di aprile, la maggior parte dei dipendenti era tornata a lavorare a tempo pieno.

“La cosa peggiore psicologicamente per una persona in tempo di guerra è semplicemente sedersi e non fare nulla perché ti preoccupi della guerra”, ha detto Rudominski.

Invece di espandere il suo staff come precedentemente previsto per il 2022, Promin ha “raddoppiato l’ingegneria” con finanziamenti raccolti durante i round precedenti e $ 100.000 in finanziamenti non diluitivi forniti da Google ad agosto.

All’inizio del prossimo anno, Promin prevede di condurre il primo lancio di prova di un piccolo razzo. Se possibile, la compagnia tenterà di inviare il razzo ad un’altitudine di circa 100 metri in Ucraina.

“Ovviamente, ci sono dubbi sul fatto che il governo [ucraino] ci permetterà di farlo”, ha detto Rudominski.

Se Promin non riceve l’approvazione per condurre il lancio in Ucraina, è probabile che avvenga in Scozia. Promin ha un memorandum d’intesa per il lancio da uno spazioporto scozzese.

“Entro la fine dell’estate 2023, stiamo pianificando di fare i nostri lanci dallo spazioporto in Scozia”, ha detto Rudominski.

Correzione: Google ha assegnato finanziamenti non diluitivi a Promin Aerospace ad agosto, non a maggio come indicato in una versione precedente di questo articolo.

Categories
news Notizia

SpaceX lancia una nuova linea di business incentrata sui servizi satellitari militari

Starshield sfrutterà la costellazione Internet Starlink per sviluppare nuovi prodotti per il mercato militare

SpaceX il 2 dicembre ha rivelato un nuovo segmento di attività chiamato Starshield rivolto alle agenzie governative di sicurezza nazionale degli Stati Uniti.

Questo settore di SpaceX intende sfruttare la costellazione Internet Starlink in orbita terrestre bassa per sviluppare prodotti e servizi, tra cui comunicazioni sicure, telerilevamento e carichi utili di sorveglianza spaziale, che sono sempre più richiesti dalle organizzazioni di difesa e intelligence statunitensi.

“Mentre Starlink è progettato per uso consumer e commerciale, Starshield è progettato per uso governativo, con un focus iniziale su tre aree: osservazione della Terra, comunicazioni e payload ospitati”, ha affermato la società sul suo sito web.

Il sito Starshield è pesante sul marketing e leggero sui dettagli, ma trasmette la visione di SpaceX di sconvolgere il settore dei satelliti per la sicurezza nazionale proprio come ha fatto nel lancio, nella banda larga commerciale e nello spazio civile .

“Il lavoro in corso di SpaceX con il Dipartimento della Difesa e altri partner dimostra la nostra capacità di fornire capacità nello spazio e a terra su larga scala”, ha affermato la società.

Queste dichiarazioni suggeriscono che, poiché SpaceX ha ampliato la sua portata nei mercati dei lanci di sicurezza nazionale e della banda larga satellitare, ha deciso di dover offrire prodotti più specializzati per vincere contratti di grandi dimensioni. Starshield offrirà “sistemi end-to-end”, ovvero servizi completi dai veicoli di lancio ai satelliti e ai terminali utente.

“Sembra che abbiano finalmente capito che diventare commerciali e chiedere ai clienti dello spazio di sicurezza nazionale di usarlo non sempre funziona, quindi offriranno prodotti alternativi incentrati sulla sicurezza nazionale ma basati sulla tecnologia e sulle linee di produzione di Starlink”. ha dichiarato a SpaceNews un analista del settore .

I prodotti ei servizi Starshield includeranno satelliti con payload di rilevamento in grado di fornire dati elaborati direttamente all’utente, comunicazioni globali sicure e apparecchiature utente e bus satellitari personalizzati.

Le offerte di servizi di comunicazione satellitare attingerebbero dall’esperienza dell’azienda in Ucraina , dove Starlink ha dimostrato di poter operare in una zona di combattimento e di essere più resistente di quanto l’esercito americano si sarebbe aspettato da un sistema commerciale. L’Air Force ha acquistato i servizi Starlink per supportare le unità in Europa e Africa grazie alla capacità del sistema di operare in un ambiente elettronico ostile .

Starshield sta inoltre capitalizzando la partecipazione di SpaceX alla costellazione di tracciamento e rilevamento missilistico dell’Agenzia per lo sviluppo spaziale della US Space Force, dove ha collaborato con Leidos per sviluppare quattro satelliti con sensore a infrarossi classificati programmati per il lancio entro la fine dell’anno.

SpaceX si offrirà di ospitare “payload classificati ed elaborare i dati in modo sicuro, soddisfacendo i requisiti governativi più esigenti”, ha affermato la società.

I satelliti Starshield sarebbero dotati di terminali laser per renderli interoperabili con i satelliti militari. L’interoperabilità è un requisito fondamentale poiché il DoD desidera utilizzare la capacità dei satelliti commerciali in orbita terrestre bassa per trasportare i dati raccolti dai sistemi di telerilevamento. I funzionari della difesa hanno avvertito che l’attuale rete Starlink, a causa della sua tecnologia altamente proprietaria, non può essere integrata in un’architettura ibrida che DoD spera di costruire.

SpaceX promette anche “rapido dispiegamento e sviluppo” delle capacità, un tono che risuona con le agenzie di acquisto di spazi DoD che per anni sono state frustrate dal ritmo lento e dall’alto costo degli appalti di satelliti.

Alcune delle funzionalità più avanzate pubblicizzate da Starshield probabilmente non saranno disponibili fino a quando SpaceX non dispiegherà i suoi satelliti Starlink di seconda generazione . Questi saranno più grandi della versione di prima generazione e progettati con le caratteristiche prestazionali necessarie per ospitare payload di sicurezza nazionale e fornire livelli di crittografia più elevati rispetto al servizio commerciale Starlink.

Ad oggi SpaceX ha lanciato circa 3.500 satelliti Starlink di prima generazione e ha recentemente ottenuto l’approvazione della licenza per il dispiegamento di veicoli spaziali Gen2.

Categories
news Notizia Uncategorized

Comandante della US Space Force: l’uso della tecnologia spaziale in Ucraina è “ciò che possiamo aspettarci in futuro”

La guerra in Ucraina ha creato una maggiore dipendenza militare dai satelliti e incentivi per impedire l’accesso degli avversari ai sistemi spaziali, ha detto il generale B. Chance Saltzman, comandante delle operazioni spaziali della US Space Force, il 3 dicembre.

“Penso che questa guerra moderna che sta accadendo in Ucraina sia indicativa di ciò che possiamo aspettarci in futuro”, ha detto Saltzman durante una sessione del panel al Reagan Defense Forum nella Simi Valley in California.

I due punti principali di Saltzman nel conflitto in Ucraina sono che il valore dello spazio è stato “provato” e che lo spazio è “chiaramente un territorio conteso”.

Comunicazioni satellitari, immagini, allarme precoce dei lanci di missili, navigazione e tempistica di posizionamento, ecc. “Le capacità offerte dallo spazio hanno dimostrato il loro valore così tanto che entrambe le parti stanno cercando di contrastare queste capacità e negare all’altra questi vantaggi”, ha detto.

Soltzman, che ha assunto la carica di comandante della Space Force il 2 novembre, ha detto che la massima priorità del Pentagono è “proteggere le nostre capacità nello spazio”.

La Space Force sta facendo il lavoro, ma ci vorranno anni, ha detto.

Oggi, i satelliti che l’esercito americano è in orbita sono macchine ad alte prestazioni, e se il nemico li abbatte, saranno difficili da sostituire. Prima che la Cina dimostrasse le sue armi anti-satellite nel 2007, l’idea del Pentagono era di rendere possibili i satelliti che potessero ridurre al minimo il numero necessario per il lancio, ha spiegato Saltzman.

Dopo i test anti-satellite della Cina, è diventato chiaro che fare affidamento su un piccolo numero di grandi satelliti era “intrinsecamente anelastico”.

“Se riesci a eliminare alcuni satelliti e degradare radicalmente la loro funzionalità, non hai un’architettura resiliente”. Saltzman ha aggiunto. Questo dovrebbe essere “il punto di partenza per la discussione sulla costruzione di un nuovo tipo di capacità spaziale che sia resiliente fin dall’inizio”.

Con queste sfide in mente, la Space Force prevede di schierare nuovi tipi di satelliti e addestrare gli operatori per ambienti spaziali concorrenti, ha affermato.

“Se pensiamo di poter acquistare il miglior arsenale, incontreremo solo metà dell’equazione”, ha detto Saltzman. L’altra parte è “tattica, allenamento, esperienza e capacità di lavorare in guanti con alleati e partner. Ci vuole un sacco di tempo, energia e un diverso set di strumenti … Tutto questo è fondamentale per trasformare un arsenale in una forza militare”.

Categories
Notizia

La Francia aderisce alla moratoria dei test ASAT

WASHINGTON – Il governo francese ha dichiarato il 29 novembre che si unirà agli Stati Uniti e a molti altri paesi nell’impegno a non condurre test sulle armi anti-satellite (ASAT) che possono lasciare detriti pericolosi in orbita.

In una dichiarazione, i ministeri degli esteri e della difesa francesi hanno annunciato congiuntamente che il paese non effettuerà test ASAT di ascesa diretta distruttivi come passo verso un “ambiente spaziale sicuro e stabile”.

“La Francia non ha mai effettuato tali test, che ritiene destabilizzanti e irresponsabili”, ha affermato il governo. “Hanno causato una grande quantità di detriti, che possono portare a gravi conseguenze per la sicurezza e la sicurezza dello spazio, in particolare compromettendo l’integrità dei satelliti in orbita”.

La Francia è la decima nazione a prendere tale impegno, iniziato con un annuncio nell’aprile 2022 del vicepresidente degli Stati Uniti Kamala Harris come mezzo per creare una norma di comportamento responsabile nello spazio. Australia, Canada, Germania, Giappone, Nuova Zelanda, Corea del Sud, Svizzera e Regno Unito hanno assunto impegni simili.

La Francia è stata anche co-sponsor di una risoluzione delle Nazioni Unite presentata dagli Stati Uniti in ottobre che chiedeva un impegno simile a non condurre test ASAT di risalita diretta distruttivi. I membri del Primo Comitato delle Nazioni Unite, che si occupa dei temi del disarmo e della sicurezza internazionale, hanno approvato la bozza di risoluzione il 1° novembre con 154 voti favorevoli, 8 contrari e 10 astensioni. Cina e Russia erano tra gli otto paesi che hanno votato contro.

L’annuncio francese è arrivato un giorno prima che il presidente del paese, Emmanuel Macron, incontrasse Harris al quartier generale della NASA. “La ringrazio, signor Presidente, per il suo impegno, annunciato ieri, ad adottare questa norma”, ha detto a Macron, secondo una trascrizione della Casa Bianca, le dichiarazioni pubbliche di apertura della riunione .

“Grazie per aver lanciato questi articoli molto importanti”, ha detto Macron della creazione di norme di comportamento come il divieto di test ASAT. “Abbiamo anche giocatori pazzi nello spazio, e abbiamo stati canaglia lì, e abbiamo nuovi attacchi ibridi”.

Durante queste osservazioni di apertura, Harris e Macron hanno ampiamente elogiato la cooperazione tra Stati Uniti e Francia nello spazio, che è cresciuta nell’ultimo anno. Ciò includeva l’adesione degli Stati Uniti al progetto Space for Climate Observatory guidato dalla Francia per utilizzare i dati spaziali per il cambiamento climatico e la Francia che firmava gli Accordi Artemis guidati dagli Stati Uniti . I due paesi hanno anche tenuto un primo dialogo globale sullo spazio il 10 novembre a Parigi su temi spaziali di sicurezza civile e nazionale.

Una lettura della riunione del quartier generale della NASA rilasciata dalla Casa Bianca ha affermato che Harris e Macron “hanno concordato di rafforzare la cooperazione spaziale USA-Francia nei settori della sicurezza civile, commerciale e nazionale”, ma non ha menzionato alcun passo specifico in tal senso.

L’amministratore della NASA Bill Nelson e Phillipe Baptiste, presidente dell’agenzia spaziale francese CNES, hanno firmato un accordo per pilotare uno strumento francese, la Farside Seismic Suite, su un lander lunare commerciale attraverso il programma Commercial Lunar Payload Services (CLPS) della NASA. La NASA aveva precedentemente annunciato che lo strumento sarebbe stato in missione assegnata a Draper che atterrerà sul bacino di Schrödinger sulla luna nel 2025.

La prossima pietra miliare nella cooperazione tra Francia e Stati Uniti nello spazio è il lancio della missione Surface Water and Ocean Topography (SWOT), una missione congiunta di NASA e CNES con la partecipazione di Canada e Regno Unito per realizzare la prima indagine globale di le acque superficiali della Terra. Il veicolo spaziale dovrebbe essere lanciato su un Falcon 9 dalla Vandenberg Space Force Base in California il 15 dicembre, la NASA ha annunciato il 30 novembre, un ritardo di tre giorni per fornire tempo aggiuntivo per l’elaborazione pre-lancio.